Parliamo d’Irlanda

"irlanda scogliere strapiombo mare cielo nuvole"

Irlanda cosa vedre in dieci giorni

Questo articolo non vuole parlare dell’Irlanda indicandovi dove andare o cosa vedere. Per questo vi sono fin troppe guide, e se vorrete dei consigli di viaggio personali, potrete anche comprare il mio libro “Vi racconto l’Irlanda” che troverete nella sezione Shop di questo sito di raccontaviaggi.
In questo estratto cercherò di farvi capire le bellezze e le emozioni che i vostri occhi e il vostro spirito potranno vedere e provare lungo le strade d’Irlanda. Parole condite da alcune poche foto, ma belle, che possano accendere in voi il desiderio di visitare l’Irlanda; perché si sa che pone più aspettativa il vedere e non vedere una cosa, come fosse una bella donna da scoprire, non che si mette a nudo. Ecco questo voglio che sia per voi, il vedere e non vedere l’Irlanda senza metterla a nudo. Se la vorrete scoprire in tutta la sua bellezza dovrete andarci.

 

Prati verdi e alte scogliere, castelli e chiese celtiche abbandonate, città metropolitane e piccoli borghi colorati dove il tempo sembra essersi fermato. Tutto questo è l’Irlanda, dove il sole si alterna costantemente alle nuvole minacciose, dando vita a quello spettacolo definito ” Il cielo d’Irlanda”.
Questo mi ha portato a scegliere questo posto meraviglioso per il mio viaggio, e questo mi ha spinto poi a scriverne il mio libro “Via racconto l’Irlanda” dove percorrendo 2500 km in quella che viene erroneamente chiamata Irlanda del sud, ho potuto ammirare una minima parte delle bellezze che l’Irlanda offre.

Viaggiare da soli, o in compagnia non ha importanza, io ho viaggiato da solo, ma se avete una buona compagnia da portare con voi, bene. L’importante è essere affiatati per non rischiare di perderne i sapori, e le emozioni che questo posto vi offre. In caso contrario meglio viaggiare da soli.

Dublino come saprete ne è la capitale e si trova sulla costa est della nazione.
La popolazione di Dublino è di 527600 abitanti, e troverete molti voli low cost che vi portano fino ad essa. Voli low cost da Milano, Venezia, Roma, ….insomma un po’ da tutte le grandi città italiane. Potrete anche decidere di fare un bel Tour di Dublino in lingua Italiano, per informazioni clicca qui.

Qualcuno si chiederà cosa vedere in Irlanda in dieci giorni. Tutto, semplicemente tutto!
L’Irlanda è tutta da vedere e tutta da scoprire, perché alterna alte scogliere su mari tempestosi, a piccole baie con sabbia bianca e acqua cristallina. Prati verdi che si perdono a vita d’occhio, a zone brulle formate da pietre, e paesaggi dove sembra di stare sulla luna.
Giornate di cielo limpido e azzurro (poche…ahahahah) alternate a cieli meravigliosamente grigi, che passano da nuvole minacciose al sole e viceversa in pochi minuti, dando vita a quello spettacolo come viene definito: Il cielo d’Irlanda .
Grandi città come Cork, Limerick, e ovviamente la bellissima capitale Dublino, si alternano a piccoli paesi, borghi isolati dal mondo, dove si respira aria di altri tempi.
Avvolte poche case colorate, di pietra o con tetti in paglia, tanto da rendere tutto quasi una favola. Già la favola Irlanda, dove mi è capitato di vedere giovani ragazzi camminare lungo le strade di questi paesini per chilometri, in gruppi, tutti insieme, per andare dove non lo sò. Sicuramente verso una sporadica fermata del bus di linea, e probabilmente per recarsi in qualche centro più grande dove vi siano locali, attrazioni, insomma qualcosa in cui passare la serata tra ragazzi.
Perché come vi ho detto, li in quei piccoli paesi sono presenti solo case, e per chilometri il nulla; campi, colline, coste, ahhhhh si magari qualche…molte pecore che ne popolano luoghi e strade, frequentandole come fossero proprie.
Ecco perché dico viaggiare da soli, o in buona compagnia, perché queste sensazioni nessun viaggio organizzato ve le offre, nessuna presenza di molti amici ve le fa assaporare. Voi…solo voi e questi piccoli quasi insignificati particolari vi faranno sentire immersi in un mondo diverso, vero, quasi di un altra dimensione.
Vedrete lungo le strade, in zone poco abitate o deserte, bellissime case che sembrano uscite da giornali di design, o da libri di favole. Vi fermerete come ho fatto io a guardarle da vicino, e ad ammirarne gli interni. Già gli interni, perché in Irlanda raramente usano le tende, le tapparelle. Li le finestre sono a vista, senza timore o pudore di far vedere chi o cosa vi sia al suo interno. Ben differente che da noi dove nascondiamo tutto e tutti, per privacy, e magari per non far vedere molte cose, onde evitare di invogliare i ladri ad entrarci e rubare tutto.

Già i ladri, la delinquenza; che mi crediate o no in 2500 km di strade avrò trovato un paio di volte auto della polizia o polizia locale che si voglia. Da noi in 50 km quante macchine di carabinieri o polizia locale si incrociano o si vedono? Dublino la capitale stesso discorso. Avrò visto in due giorni 2/3 auto della polizia, e zero militari (per prevenzione antiterrorismo) sulle zone di interesse storico. A Roma, Firenze….quanta polizia, militari, e chi più ne ha ne metta in una sola giornata si incontrano? Neppure con una calcolatrice ne terreste il conto. Ora ci si è inventati anche gli “ausiliari al traffico” che con le pettorine gialle mettono le multe.
Guardate bene che anche lì esistono i divieti di sosta, le zone blu a pagamento, ecc…ma ausiliari e vigili non c’è ne sono! Meditate gente…meditate. Anche questa è l’Irlanda.
Cancellata questa parentesi, che serviva per far capire la tranquillità, il ridotto tasso di delinquenza, e il rispetto delle regole degli irlandesi, potrete ammirare i bellissimi interni da copertina di queste case, senza il pericolo che esca un omone grosso e cattivo che vi spacchi la faccia solo perché avete sbirciato la sua privacy.

Se vorrete vederla bene “l’Isola di Smeraldo” come viene chiamata, avrete bisogno di molti giorni di ferie, o tornarci a più riprese e ad ogni viaggio fare zona per zona.
Io ho dovuto fare tutto in dieci giorni, e ho dovuto correre molto, vedere tanto ma per pochi attimi. Questo perché era mia intenzione, fare molte fotografie di viaggio, e un lungo e intenso itinerario che mi facesse scoprire tutto ciò che si poteva in quei dieci giorni, per poter scriverne un libro; cosa che poi ho fatto.
Se avrete la voglia di viaggiare in lungo e in largo tra le strade irlandesi e avete solo 7/10 giorni a disposizione in ” Vi racconto l’Irlanda ” potrete prendere spunto per alcune tappe o per seguire in tutto e per tutto l’itinerario da me realizzato.
Magari fate così, come ho fatto e farò io. Una o due settimane (a seconda della vostra disponibilità) di full-immersion per vedere tanto, di tutto, capire e assaporare il gusto e le tradizioni dell’Irlanda, restare stupefatti da tali bellezze, e farvi stregare o come qualcuno dice ” ammalare d’Irlanda”. Fatto questo col tempo ci tornerete, facendo zona per zona più tranquillamente, con più tempo da dedicare ai singoli posti, alle singole emozioni, ad assaporarne meglio la tranquillità, la magia, il verde, l’azzurro, il giallo, e tutti gli altri colori di vita che riempiranno i vostri occhi.
Saprete cosa vorrete vedere meglio, cosa approfondire, cosa gustare….e ci tornerete, come ci tornerò anche io.
Se poi siete viaggiatori incalliti come me, e volete vedere e assaporare tutti i posti e le meraviglie che il mondo offre, beh allora l’unica cosa da fare e quella che ho fatto io.
Vedere l’Irlanda in dieci giorni on the road, viaggiare da Nord a Sud dell’Irlanda lungo la Wild Atlantic Way, la strada che, costeggiando la costa atlantica permette di ammirare l’Irlanda in tutta la sua bellezza. Dalla punta più estrema a Nord, fino alle spiagge del Sud Irlanda, e se poi vorrete, non dico pubblicare un libro come ho fatto io (o perché no…se è un vostro sogno credeteci, fatelo, io ci ho creduto) ma un articolo su questo sito, ne avrete la possibilità, perché come saprete se avete letto tra le pagine, sarò lieto di pubblicare i vostri racconti di viaggio e le vostre fotografie di viaggio in questo sito. Non parlo solo d’Irlanda ma di qualunque posto in Italia, in Europa, o nel Mondo voi vogliate.
Questo sito come avrete visto parla di viaggiatori comuni, come voi, come me, che vogliono cercare di condividere oltre che la loro passione per viaggiare, soprattutto le loro emozioni, il loro stupore e i loro ricordi delle sensazione che il loro spirito ha provato e i loro occhi hanno visto. Perché come si dice, un viaggio lo vivi tre volte: quando lo sogni, quando lo vivi, e quando lo ricordi.

Bene dopo questa piccola parentesi doverosa, spero di avervi fatto voglia di prendere un aereo low cost, e partire per l’Irlanda, o perché no per qualunque posto voi vogliate.
Ma per chi andrà in Irlanda, o per qualunque altro viaggiatore compulsivo e incallito (ahahahah) ricordatevi che l’Irlanda va “rivista”. Chi va in Irlanda la prima volta….vi assicuro ci ritorna!

Lascia un commento