"veduta da cima dell etna sul paesaggio lavico circostante"
Posti da visitare in Sicilia,  Racconti di Viaggio

Sicilia Orientale

La divisione della regione in tre territori ha origini storiche antichissime che dividevano l’isola in tre valli: Val di MazaraVal Demone e Val di Noto. Ora l’isola è simbolicamente divisa in Sicilia Orientale, Occidentale e centrale.

Sicilia Orientale cosa vedere

La Sicilia orientale comprende le province di Messina, Catania, Siracusa, e Ragusa. Più semplicemente questa zona della Sicilia si identifica nella parte che si affaccia sulla costa ionica. La parte orientale nei secoli ha risentito di più l’influenza della civiltà greca, quella occidentale invece della civiltà punica. In Sicilia orientale cose da vedere ve ne sono molte, qui ne citeremo solo alcune, altre potrete trovarle col tempo ne sito.

Non mi soffermerò sulle cose da vedere a Catania, Messina, Siracusa o Ragusa, ma bensì su ciò che si può visitare nei dintorni. Per guide sulle singole grandi città, ve ne sono molte.

Bene, incominciamo dalle cose da vedere vicino a Catania.

Cosa vedere vicino Catania

Le tre cose da vedere vicino Catania di cui tutti avranno sentito parlare sono: la Riviera dei Ciclopi, le Gole dell’Alcantara, e sua Maestà l’Etna.

La Riviera dei Ciclopi

Scenografico luogo della costa catanese, lungo 12 km, che va dai  borghi marinari siciliani di Aci Castello ad Aci Trezza, di cui ho parlato specificatamente in un articolo. “Aci Castello cosa vedere e Acitrezza cosa Vedere”. Il nome di Riviera dei Ciclopi e dato dalla mitologia e dai suoi faraglioni che emergono dal mare, come delle prime donne. Leggi qui.

Sua Maestà l’Etna

Su cosa vedere in Sicilia orientale non si può assolutamente perdersi il Parco Naturale dell’Etna, che io definisco sua Maestà l’Etna. Questa riserva naturale non è solo un vulcano attivo, ma per la sua unicità è unica al mondo.

Il verde delle pendici, fa da contrasto con il color nero del magma dei suoi dorsali. I suoi percorsi per escursioni sono vari, partendo dai Crateri Silvestri, o da altri posti da cui vogliate iniziare le escursioni. La sua cima massima è di 3350 mt, e vi assicuro che li sopra non sentirete il caldo che circonda l’isola durante l’estate.

I panorami che si possono ammirare dai Crateri Silvestri, dalla cima dell’Etna, o da qualunque altra parte, non hanno paragoni in Italia. In inverno la zona si trasforma in una zona sciistica.

La maestosità dell’Etna, orgoglio della provincia di Catania e simbolo della Sicilia 

Gole dell’Alcantara

Questo luogo è un Parco Fluviale molto conosciuto in Sicilia, formato da veri e propri canyon in cui scorre il fiume Alcantara. Queste conformazioni rocciose si sono formate grazie al raffreddamento delle colate laviche dell’Etna.

La zona si estende per quasi duemila ettari, alternando un paesaggio roccioso, a ricca vegetazione. I canyon possono essere alti fino a 2o metri, con una larghezza che va dai 2 ai 5 metri. Il luogo più importante e suggestivo si trova a Motta Camastra, con una scenografia fantastica.

"gole dell alcantara acqua verde limpida con rocce bianche grige"

Cosa vedere vicino Messina

Tra le cose da vedere vicino Messina possono essere citate: Taormina, Milazzo, Novara di Sicilia, e Montalbano Elicona.

Taormina

Il paese si trova sulle pendici del Monte Tauro, e il suo centro storico panoramico è una delle cose da vedere assolutamente in Sicilia orientale. Infatti, dalle sue belle terrazze della città, vi godrete dei bei panorami dell’Etna, e di tutta la suggestiva Costa Ionica. Taormina ha molte cose belle da vedere. Infatti non potrete perdervi il Teatro Greco-Romano, antico teatro tra i più belli di tutto il Mediterraneo. Lo scenario che potrete ammirare da lassù e fantastico.

Ricordiamo a poca distanza Giardini Naxos famosa perché qui vi fu il primo sbarco dei coloni greci, oltre che per la bellezza del suo mare.

"splendido teatro antico all aperto taormina"

Teatro greco di Taormina (ME) situata al confine tra province di Catania e Messina

"capo milazzo sicilia orientale provincia di messina vista panoramica scogliera"

La bella costa di Capo Milazzo a poca distanza da Messina

Milazzo

Milazzo è una bella cittadina da cui e comodo imbarcarsi per raggiungere le piccole isole di Lipari, Vulcano e Stromboli. Una delle cose più belle di Milazzo è la così detta Piscina di Venere, uno specchio d’acqua naturale separata dal mare da rocce affioranti. Questa si trova a Capo Milazzo, ed è possibile raggiungerla grazie a un bel percorso naturalistico che costeggia il mare. Molto bello anche il Castello costruito sull’antica acropoli, il luogo più alto della cittadina.

Ma anche il borgo antico di Milazzo risalente al XV secolo, con il suo bel Duomo, e il suo Palazzo dei Vicerè e dei Governatori, meritano molta attenzione. Per il luogo dove si trova, sono numerose le spiagge, tra le più belle spiagge del messinese.

Novara di Sicilia

Piccolo borgo antico di epoca medievale, classificato tra i più bei borghi d’Italia, si trova in una cornice di verde e di monti. Luogo di straordinaria bellezza, con una popolazione di soli 1200 abitanti, sembra un luogo dove il tempo si sia fermato.

Ciò che colpisce del suo centro storico, è la pietra, dominante in tutte le sue vie e i suoi edifici. Le chiese e le opere artistiche, lasciano a bocca aperta il turista. Cosa vedere a Novara di Sicilia: la sua Rocca Saracena, che anche se ridotta a ruderi, dalla sua rupe  domina tutta la vallata e il paese sottostante. La piazza principale è Piazza Duomo, dove sorge il Duomo dedicato a Santa Maria Assunta edificio che  risale al XVI secolo. I vicoli di Novara di Sicilia sono dei veri gioielli da scoprire.

Da citare nelle vicinanze l’Abbazia di Santa Maria la Noara, costruita nel XII secolo, mentre a pochi km da Novara, si trova il piccolo ma carino borgo di Badiavecchia.

Vista di Novara di Sicilia provincia di Messina

"vista dall alto castello montalbano elicona provincia di messina sicilia orientale"

Visuale dall’alto del Castello di Montalbano Elicona in Sicilia Orientale

Montalbano Elicona

Il borgo di Montalbano Elicona è costruito alle pendici di un’altura, posto a 900 metri, in un suggestivo percorso in salita per fino a giungere all’antico al maniero. E’ un dedalo di viottoli dove il tempo sembra essersi fermato in un’epoca passata. Il castello, dopo lunghi lavori di restauro, è conservato in ottime condizioni.

Anche questo borgo medievale siciliano è molto piccolo, con una popolazione di solo 2500 abitanti, ed è nella lista dei 90 borghi medievali più belli d’Italia. Tra le opere principali, segnalo la sua Basilica di Santa Maria Assunta, proprio nel centro del paese.

Tripi

E’ un piccolo comune che si trova tra Montalbano Elicona e Novara di Sicilia, e nel cui territorio comunale si trovano i resti dell’antica città di Abaceno. Si tratta di una necropoli del IV sec. a.C. in contrada Piano, in cui sono stati rinvenuti alcuni oggetti che presagivano la presenza di una città sepolta. Tra questi monete d’argento e di bronzo, e frammenti di ceramica.

Tripi è dislocata su tre livelli di cui in quello superiore troviamo il Castello, la Chiesa Madre e il palazzo baronale. Dal livello superiore si può scendere attraverso un dedalo di strette viuzze dove il tempo sembra essersi fermato.

"vista dall alto di tripi in mezzo al verde e alle montagne"

Vista del borgo dalla strada che conduce ai ruderi del Castello di Tripi

Altopiano dell’Agrinusco

L’altipiano dell’Argimusco è un sito naturalistico ed archeologico che si trova a circa 1200 metri di altitudine. E’ situato tra le zone di di Montalbano Elicona, Novara di Sicilia e Tripi, in provincia di Messina.

Qui troviamo delle gigantesche rocce antiche milioni di anni, che sono caratterizzate da particolari forme di rara bellezza. Si suppone che nell’età del bronzo, questi monoliti venissero usati come veri e propri santuari. Qui si svolgevano riti e culti sacri legati alle divinità della Terra e del Cielo.

Qui potrete vedere un bel video informativo sull’Altopiano dell’Agrimusco.

"uno dei monoliti nell altopiano agrimusco roccia antica milioni di anni circondata dal verde della natura"

Castemola

Castemola è un piccolo borgo situato nella parte sommitale della più famosa Taormina. Tra le sue piccole e strette stradine aleggia un’aria di pacata tranquillità e spensieratezza.

Il cure di questo piccolo borgo è il belvedere di Piazza Sant’Antonio al Duomo, con il suo folcloristico Bar Turrisi. Salendo si arriva fino ai ruderi dell’antico castello, da cui si può ammirare un suggestivo panorama del borgo.

Consiglio vivamente di vedere questo piccolo paesino, spesso dimenticato a discapito della più famosa Taormina più a valle. Non a caso Castelmola è stato inserito nel circuito dei “Borghi più Belli d’Italia”. Ricordo che sono ben sei i borghi della provincia di Messina inseriti in questo circuito.

Un oretta o due al massimo saranno sufficienti per visitarne le piccole viuzze, il belvedere Piazza Sant’Antonio, da cui è possibile ammirare il panorama che dà su Taormina. Sulla bella piazza si affaccia l’Antico Arco Romano, posto in cima ad una gradinata in pietra, che un volta era l’entrata del Castello.

Non dimenticate di visitare le le piccole chiese di San Giorgio e di San Biagio, ed il Duomo di San Nicola di Bari, nell’omonima piazza.

"castemola sicilia orientale vista dall alto dove si puo vedere bar turrisi"

Vista dall’alto, sulla destra il Bar Turrisi, in basso si intravede Taormina

Brolo e il suo Castello

Sempre nella provincia di Messina, nella zona nord orientale della Sicilia, spostandoci verso occidente troviamo Brolo. Questo paese di poco meno di 6000 abitanti, si trova lungo costa tirrenica a circa 80 chilometri da Messina e a circa 150 chilometri da Palermo.

Essendo direttamente sul mare, non mancano le belle spiagge che si distendono lungo circa 2,5 km di acqua cristallina. Ma la cosa interessante da vedere è il Castello di Brolo. Questo castello colpisce per la bellezza del suo borgo medievale che si trova all’interno. Vi assicuro che è una cosa da non perdere assolutamente se visiterete la parte nord orientale della Sicilia.

Il suo interno è talmente bello e ben conservato, che sembra quasi essere un set cinematografico. Top, da vedere.

"uno scorcio d interno del borgo del castello di brolo la torre e alcune case"

Scorcio dell’interno del Castello di Brolo. la sua torre e la piazzetta principale

Comune di Tusa e Castel di Tusa

Castel di Tusa si trova a metà strada tra Palermo e Messina, a 60 km da Brolo e 25 km da Cefalù. E’ un piccolo e delizioso borgo marinaro, frazione del comune di Tusa. Vi si trovano 9 km di spiaggia formata prevalentemente da grosse pietre, e un mare cristallino, da poco premiato con la bandiera blu.

Vi si trovano dei faraglioni che fuoriescono dall’acqua, molto belli da ammirare al tramonto. Il piccolo centro abitato è piccolo, carino, e molto tranquillo. Questo fa di Castel di Tusa un luogo ideale dove trascorrere le vacanze estive, e per chi ama il mare e la tranquillità.

Una curiosità: questa zona è attraversata da 38° parallelo della terra, segnalato con una piramide. L’opera creata dal Maestro Mauro Staccioli si trova in contrada Belvedere a Motta d’Affermo.

Il comune di Tusa

Si trova incastronato tra le montagne dei Nebrodi attorniato da olivi secolari, e boschi di castagno misti a querce. Si ritiene che il paese fù fondato nel 403 a.C. da Arconide, temuto tiranno, citato anche da Cicerone

Bel borgo, con caratteristiche simili agli altri borghi siciliani, e che merita una visita se vi troverete in zona.

"visuale panoramica del borgo marinaro di castel di tusa proteso nel mare azzurro"

Visuale panoramica di Castel di Tusa nel messinese

Cosa vedere vicino a Siracusa

Anche qui le cose da vedere vicino Siracusa sono molte, citiamone alcune: la città vecchia di Ortigia, Marzamemi, la Riserva di Vendicari, Pantalica e Brucoli.

Ortigia

Ortigia è la zona antica di Siracusa, una piccola isola di solo un chilometro quadrato, collegata alla città da due ponti. Il centro storico è zona ZTL quindi è consigliabile lasciare l’auto nei parcheggi vicino l’ingresso dell’isola.

Bellissimo è il suo lungomare, ricco di locali dove cenare, o solo bere un aperitivo al tramonto nella baia di Siracusa. Il centro con le sue lastricate viuzze è un vero gioiello, ma la cosa imperdibile è la Piazza Duomo. Una piazza tutta di pietra calcarea bianca, che vi meraviglierà e vi accecherà per il suo splendore. Viene ritenuta una delle piazze più belle della Sicilia, e se vi ponete la domanda: Sicilia orientale cosa vedere, questo luogo non può mancare.

Per ulteriori informazioni, leggete qui l’articolo Ortigia cosa vedere nell’isola”.

"bellissima piazza ortigia marmo bianco"

Marzamemi

Marzamemi piccolo borgo marinaro sorto attorno all’antico porto. In seguito venne realizzata una tonnara, per secoli la più importante della Sicilia orientale. Questo ha permesso a questo piccolo borgo di crescere, fino all’attuale splendore. Questo pittoresco borgo è certamente uno dei posti da visitare in Sicilia.

Non crediate di vedere chissà che cosa, il borgo è tutto concentrato in una bellissima piazzetta colorata, con splendidi localini ovunque. Farete presto a visitarla, ma ne resterete affascinati. Per maggiori informazioni leggete l’articolo su Marzamemi qui.

"casolare borgo marzamemi in pietra con piante verdi e porta azzurra"

Riserva di Vendicari

Nella zona compresa tra Noto e Marzamemi troviamo una tra le oasi naturali più belle d’Europa. Ricopre una zona di 15000 ettari, e tredici chilometri di costa incontaminata. È la Riserva naturale di Vendicari, dove si possono trovare ambienti differenti. Zone di acqua dolce, saline, dune costiere e chilometri di splendide spiagge.

Cosa vedere nella Riserva Naturale di Vendicari

Vi sono diversi itinerari naturalistici da percorrere sia a piedi che in bicicletta. Qui potrete facilmente vedere Fenicotteri, Aironi, Cormorani, e molte altre specie di uccelli. Inoltre vedrete resti di saline e di un’antica tonnara ormai decadente.

Le spiagge più belle della Riserva di Vendicari che possono essere citate sono: la spiaggia di Calamosche la più famosa. Questa bella spiaggia di sabbia viene protetta da una serie di rocce che la circondano. Questo rende il mare calmo è cristallino, e fa della spiaggia una delle più belle della Sicilia orientale.

La spiaggia di Vendicari invece è molto bella da vedere, con l’antica tonnara e la Torre Sveva nello sfondo. La spiaggia di San Lorenzo invece la trovate subito dopo quella di Vendicari. Questa bella spiaggia purtroppo è molto affollata nei mesi estivi. Cito anche la spiaggia di Eloro vicino alle rovine della città greca Eloro, e la selvaggia spiaggia di Marianelli. In quest’ultima potrete trovare pace e relax  in una spiaggia incontaminata.

Pantalica 

Merita assolutamente una visita questa necropoli Siculo Bizantina, situata in un altopiano circondato da canyon formatisi nei millenni. I sentieri che permettono di visitare quest’area sono diversi, e i punti d’ingresso sono due: da Sortino e da Ferla.

Questo abitato preistorico ha un perimetro di 5 km, e conserva 5000 tombe a grotta scavate nella parete rocciosa. Alcune grotte sono state trasformate in chiese o in ermi, al cui interno resistono resti di affreschi antichi.

Se vi interessa saper tutto di questa fantastica necropoli, troverete informazioni, percorsi, visite guidate a Pantalica qui.

"pantalica necropoli case grotte nella parete rocciosa"

Brucoli

Voglio chiudere su cosa vedere vicino Siracusa con un piccolo borgo marinaro, ai più sconosciuti: Brucoli. Questo piccolo paesino che si trova a pochi chilometri da Augusta, è un piccolo agglomerato di casette di pescatori. E’ il luogo ideale se vorrete trascorrere qualche giorno in relax, lontano dalla confusione e dalle folle di turisti. Le spiagge di Brucoli sono belle, e si trova presente un antico castello, e un faro. Il faro ad oggi ristrutturato, è un elegante Hotel e centro convegni.

Per informazioni dettagliate potete leggere l’articolo su Brucoli qui.

Cosa vedere vicino a Ragusa

Le cose da vedere vicino Ragusa essenzialmente si racchiudono in un solo none: Val di Noto Sicilia. La Valle di Noto era una ripartizione di territorio amministrativa che si occupò della giustizia, dell’erario e delle milizie del Regno di Sicilia. Questo dal periodo normanno, fino alla sua abolizione nel XVIII secolo.

Ad oggi della Valle di Noto in Sicilia fanno parte le città di Ragusa, Modica, Ispica, Scicli, Noto, solo per citare le più rappresentative. A queste si aggiungono poi molti luoghi, o borghi, ma citarli tutti è impossibile.

La Val di Noto è conosciuta anche come la meraviglia del barocco, visto la presenza di tutte queste città dove il barocco fa da padrone.

Modica

Questa bella città di 54.000 abitanti è situata nella zona sud orientale della Sicilia. A poco meno di venti chilometri da Ragusa, l’aspetto  barocco dei sui eleganti palazzi e delle sue strade, ha contribuito al turismo della città. Sorge alla base di un costone roccioso, e si suddivide in Modica Alta e Modica Bassa.

Il Duomo di San Giorgio a Modica rappresenta il principale punto d’interesse del paese. Il paese è ricco di scalinate, vicoli ciechi e particolari archi. Modica è molto rinomata anche per il suo cioccolato, il famoso cioccolato di Modica.

"modica duomo san giorgio scalinata e fiori colorati"

Modica splendore della provincia di Siracusa

Ispica

C’era una volta Vigata paese nato da un’idea del grande scrittore Andrea Camilleri, nella sue serie di racconti su Montalbano. Uno di questi racconti “La mossa del Cavallo” è stato ambientato proprio in questo bel borgo siciliano.

A Ispica troviamo due Basiliche da visitare, molto belle e importanti per opera architettonica, e l’arte degli interni. La Basilica della Santissima Annunziata costruita a partire dal 1704, dopo il terremoto del 1693. E la Basilica di Santa Maria Maggiore a Ispica, altra opera d’arte bella e preziosa.

Ispica con i suoi 16.000 abitanti, non offre solo arte, cultura, e storia antica, ma le sua spiagge sono tra le più belle della Sicilia sud orientale. In questo luogo potrete fare delle belle vacanze siciliane tra mare e cultura. L’articolo completo lo potrete trovare qui. (in preparazione)

Ragusa

Ragusa è sicuramente la città più conosciuta tra le meraviglie barocche della Val di Noto. La parte più caratteristica è sicuramente Ibla, la parte vecchia della città. A Ragusa Ibla cosa vedere e semplice, basta camminare per le sue strette viuzze e le sue scalinate, e non si rimarrà delusi.

Ragusa Ibla cosa vedere:

In questo quartiere che sorge a 450 metri di altitudine, le principali attrazioni sono: il duomo di San Giorgio. Sorge nella piazza principale di forma irregolare, tendenzialmente in discesa. Il Duomo si trova nella parte più alta della piazza, realizzato nel XVII secolo, è uno spettacolo di architettura barocca. Molto bello tra le cose da vedere a Ragusa Ibla è il Giardino Ibleo, un parco cittadino di 15.800 mq. Realizzato nel 1858 grazie alle donazioni di facoltosi cittadini, ma anche i meno abbienti vi parteciparono.

Il Giardino Ibleo e le sue chiese

Tra splendida vegetazione ben curata, al suo interno troviamo tre chiese. La chiesa di San Vincenzo Ferrari, quella di San Giacomo, e quella dei Cappuccini alla quale è annesso anche il museo diocesano. Per la gente del posto il giardino svolge un ruolo di aggregazione e di incontro. Per i turisti, un importante luogo da visitare, e dove passare qualche momento di relax, tra una camminata ed un’altra.

Non dimenticatevi che tutti questi splendidi paesi, sono tutti sali e scendi, e le salite che affronterete saranno molte. Tra cosa vedere a Ragusa Ibla immancabile è il suo belvedere, da cui si ammira una vista fantastica del borgo dall’alto. Per ulteriori informazioni leggete il mio articolo qui. (in preparazione)

Scicli

Scicli è un piccolo comune di 27.000 abitanti, tanto piccolo quanto bello. Paese balzato alla ribalta anch’esso grazie ai racconti di Camilleri e alla seri Tv del Commissario Montalbano. Qui infatti si trovano l’ufficio del commissariato, e la sala del Procuratore. Ambienti cinematografici  che si trovano all’interno del palazzo del Comune, e che sono visitabili tutto l’anno. Anche questo luogo nelle riprese Tv rappresenta Vicata paese nato dall’immaginazione del grande scrittore.

Cosa vedere a “C’era una volta Vicata” ….oh scusate Scicli

Oltre i loghi della celebre serie Tv, imperdibile è una passeggiata nella settecentesca via Mormina Penna e Palazzo Spadaro. Ma come per gli altri splendidi paesi siciliani, limitarsi a citare alcune opere è riduttivo. Infatti questi posti sono dei veri musei all’aperto, dove ogni palazzo, ogni via, ogni scalinata ha storia da raccontare.

Un cenno particolare merita la Chiesa San Michele Arcangelo, realizzata proprio nel centro del paese, in spazi molto ristretti. Gli edifici che la circondano, fanno sì che l’impatto scenografico di questa chiesa sia unico e inimitabile. Non meno imperdibile il primo duomo cittadino, dedicato all’Apostolo S. Matteo, non tanto per l’opera, ma per la posizione. Infatti si trova in cima al Colle S. Matteo, circondato dalle rovine e dai ruderi di Scicli antica. La visuale panoramica, e la faticosa ma splendida stradina che conduce lassù, non la dimenticherete facilmente.

"chiesa san michele arcangelo con palazzi barocchi antichi vicino nella piccola piazza"

La scenografica Chiesa San Michele Arcangelo a Scicli

Noto Sicilia cose da vedere

Noto a buon ragione è considerata la “Capitale del Barocco” per la bellezza, e la quantità delle sue opere barocche. Questo splendido luogo svetta dominando la sottostante valle dell’Asinaro. Le sue splendide costruzioni vi lasciano a bocca aperta tutti i turisti che decidono di giungere fin qui. Insieme alla Val di Noto, è stata dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.

Le origini di Noto sono antichissime, ma purtroppo per come la vediamo oggi è frutto della ricostruzione dopo il terremoto del 1693. Venne così ricostruita su un luogo più ampio e sicuro, utilizzando la pietra locale calcarea chiara. Con il tempo ha preso un bellissimo color oro con sfumature al rosa.

Il cuore di Noto

Sicuramente il cuore di Noto, è la Piazza del Municipio, che si raggiunge camminando lungo Corso Vittorio Emanuele. Dal mio libro Sicilia da Raccontare: “L’impressione che si ha raggiungendo questa piazza dove da un lato troviamo la Cattedrale, dall’altro lato Palazzo Ducrezio, è di autentico stupore, perché la visuale che riesce a catturare l’occhio umano, con colori e dettagli, non può essere ricreata da nessuna fotocamera. Quindi consiglio vivamente di godersi lo stupore dell’arrivo in questa piazza che ha pochi eguali in Sicilia.”

Non bastano le parole per descrivere le emozioni che si provano davanti a tali bellezze. Da non perdere. Ricordo a 12 km dal paese, la presenza di Noto Antica, ovvero l’antico sito su cui sorgeva la città di Noto prima del terremoto. Come detto dopo il catastrofico terremoto del 1963, fu ricostruita qualche chilometro più a valle.

L’articolo completo su cosa vedere a Noto, correlato da fotografie, potrete leggerlo qui.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo evidenziato in Sicilia orientale cosa vedere ma solamente alcune cose, magari le più conosciute. Questa parte della regione è ricca di molti altri luoghi d’arte, religiosi, di mare e naturalistici da non perdere. Consiglio di informarsi bene se si sceglie di vedere il versante orientale della Sicilia, così da essere ben preparati.

Da parte mia posso solo aggiungere rapidamente alcuni nomi, su cui potrete fare delle ricerche, ed includerli o meno, nel viaggio in Sicilia. Citiamo: Caltagirone, Zafferana Etnea, Adrano, Monterosso Almo, Sampieri Portopalo di Capo Passero e l’Isola delle Correnti nella Sicilia sud orientale.

"cosa vedere a noto sicilia in questa fotografia una bellissima scalinata dipinta con un fiore gigante"

Una bella scalinata di Noto, splendida città del barocco siciliano